Questo sito utilizza cookie tecnici e consente l'invio di cookie di "terze parti" al fine di effettuare misure di traffico per la valutazione delle prestazioni del sito. Per saperne di più, clicca sull'apposito bottone "Maggiori dettagli", che aprirà in modalità pop up l'informativa estesa, dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando il bottone OK, o cliccando su una qualsiasi altra area del sito, presterai consenso all'uso dei cookie.

CONTROLLARE


Perchè serve poter disporre, durante l'anno, di un sistema che consenta di monitorare l'andamento gestionale?

La contabilità non è sufficiente per dare le risposte che mi servono?

 

NO. Il rendiconto gestionale si differenzia dal bilancino di verifica contabile, ad esempio, perché:

  1. le registrazioni contabili avvengono con criteri che spesso sono diversi rispetto al periodo di competenza;
  2. il risultato gestionale (per il periodo, progressivo, di competenza dal... al...) deve considerare unicamente ricavi e costi riferibili al periodo. Ad esempio, se la contabilità registra un costo assicurativo a inizio anno e il periodo gestionale è il primo trimestre, significa che dovrò considerare 1/4 dei costi assicurativi (tre mesi), non tutti. Lo stesso riguarda i ricavi e in particolar modo le valutazioni, eventuali, degli stati avanzamento dei lavori e/o le variazioni dei valori dei magazzini;
  3. il costo del personale non sempre è completamente considerato per il periodo di competenza. A volte quote TFR, quota 13^, ecc., ecc., vengono calcolate a fine anno; inoltre parte del costo del personale deriva anche dalle assenze (la percentuale di assenteismo incide sul costo effettivo del personale) o correttivi devono essere elaborati per considerare eventuali riduzioni dei costi, ad esempio per il ricorso ad ammortizzatori sociali;
  4. il tutto si complica nel caso in cui l'azienda lavori per 2 o più turni. In tal caso le variabili e le incognite da considerare aumentano;
  5. alcuni costi potrebbero non essersi manifestati a livello contabile, mentre è opportuno siano previsti onde evitare "sorprese" nel corso dell'esercizio, o peggio in sede di bilancio annuale; in questo caso le informazioni previsionali devono poter attingere ai budget opportunamente valutati e monitorati periodicamente;
  6. le quote di ammortamento contabili seguono principi civilistici che potrebbero discostarsi da valutazioni più tecniche relative al tempo di vita residua dei cespiti o di loro sostituzione, anche considerando valori di mercato che nel tempo potrebbero essere cambiati (anche per obsolescenza tecnologica);
  7. a volte l'andamento dei ricavi non è ripartito proporzionalmente per tutti i mesi e non può essere approssimato neanche considerando i giorni lavorativi (al netto quindi delle festività), ma in alcuni mesi si registrano picchi e in altri flessioni; tali ciclicità trovano riscontro solitamente al livello dei costi fissi; così, correlare ricavi e costi senza introdurre appositi meccanismi correttivi rischia di comportare la lettura di valori distorti e non reali (basti pensare alle attività che operano prevalentemente alcuni mesi all'anno e che devono però sostenere a volte anche ingenti costi fissi per tutto l'anno).

 

 

ALCUNI INTERVENTI POSSONO PERTANTO RIGUARDARE:

  • controllo periodico della gestione infrannuale
  • contabilità dei costi
  • analisi delle mariginalità
  • analisi finanziaria e reporting
  • valutazioni periodiche sulla gestione
  • controlli interni
  • sistema indipendente dal software gestionale
  • possibilità di letture gestionali per divisioni/ business unit
  • riclassificati gestionali personalizzati

 

 

   feedback